Translate

IL BLOG DI LEONARDO MANETTI SUL CHIANTI E LE SUE CAPITALI: FIRENZE E SIENA
E SE ANCHE TU VUOI PUBBLICARE QUALCOSA SU QUESTA TERRA CONTATTAMI

martedì 23 dicembre 2014

TERREMOTI NEL CHIANTI: LA PRIMA NOTTE TRANQUILLA

ore 13,30

Dopo l'articolo di ieri delle 13,35 c'è stato un “solo” terremoto non forte però ben avvertito da molte persone, quello delle 16,30 di ieri pomeriggio di magnitudo 2.8, poi ci sono state altre scosse ma sotto la soglia di 2. La situazione ad ora è molto più tranquilla anche se non si possono fare previsioni. Sicuramente le feste di noi chiantigiani saranno segnate da questo evento naturale che si abbattuto su di noi, alcuni hanno scoperto solo ora che storicamente siamo un territorio dove sono avvenuti altri sismi se pur non catastrofici, ma forse anche le istituzioni non avevano ben avvertito il problema visto che solo ora è stato deciso l'urgenza di fare la pedana antisismica del prezioso David di Michelangelo che è a Firenze.
Siamo sereni ma pur sempre in allerta, tra di noi c'è sempre qualcuno che da un momento all'altro viene attraversato dal pensiero che potrebbe succedere qualcosa. La legge antisismica per le strutture è abbastanza recente, e la gran parte di queste, come in tutta Italia, è stata costruita prima. Ci sono ancora molte abitazioni in campagna ristrutturate solo in parte, ma anche nei paesi molte abitazioni sono state costruite prima degli anni settanta, e non apro la parentesi sugli edifici pubblici. Ma anche chi abita in case nuove non può essere sicuro al 100%, in Italia si sa che la pratica di usare materiali di inferiore qualità per spendere meno da parte dei costruttori è pratica diffusa. Le nostre preoccupazioni sono reali e non frutto della pazzia umana. Chi di noi ha avvertito i terremoti più forti con il loro spaventoso boato oltre a tremare, è stato investito dalla sensazioni di impotenza umana di fronte al terremoto, e da allora li ha sentiti tutti, anche perchè la poca profondità e la struttura del terreno di questa zona rendono il terremoto molto sentito.
Sicuramente subirà un danno di presenze il turismo a breve termine. Per queste feste chi aveva deciso di passarci alcuni giorni o solo venirci a mangiare forse ha cambiato idea e ha disdetto, io non ci verrei.
In alcuni casi le immagini danno un' impressione più forte delle parole, e qui sotto riporto la foto aggiornata alle ore 20 di domenica, fino a quando si è avuto una sequenza frequente di terremoti superiori a magnitudo 2.0 fin dal giovedi, avvertiti dalla popolazione.

Fonte: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia  www.ingv.it





Nessun commento:

Posta un commento

Condividi liberamente senza modificare, citando sempre chi è l'autore. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001