Translate

IL BLOG DI LEONARDO MANETTI SUL CHIANTI E LE SUE CAPITALI: FIRENZE E SIENA
E SE ANCHE TU VUOI PUBBLICARE QUALCOSA SU QUESTA TERRA CONTATTAMI

mercoledì 18 settembre 2013

LE BOCCE: LO STRISCIO, UNA PECULIARITA' TUTTA TOSCANA E DEL CHIANTI

"Nella prima metà del secolo scorso, ogni paese toscano aveva il suo piccolo campo di bocce, ognuno governato da regole e modalità di gioco proprie, tutti accomunati, però, dalle stesse caratteristiche: campi di gioco a fondo "baulato", ossia "con le sponde rialzate in modo che la boccia oscillasse da un lato all'altro", e tutti realizzati in terra battuta con la buca a fondo campo e un chiodo al posto del pallino e bocce di legno, generalmente di sorbo, lasciato stagionare almeno un anno sotto l'acqua corrente prima di essere lavorato da abili falegnami che, tornendolo, ottenevano sfere perfette. Tipico della società agricola toscana, lo "striscio" è una specialità unica toscana che la FEDERAZIONE ITALIANA BOCCE (FIB) della Toscana ha voluto salvaguardare dall'oblio promuovendone la conoscenza e veicolando un passato fatto di identità, valori e legami utile alla comprensione del nostro futuro, non solo sportivo.
I primi campi da bocce dedicati allo striscio venivano costruiti tra i filari delle vigne."





In occasione dell'evento che dura tutta l'estate tra le aziende agricole della campagna di Montespertoli,  "A veglia sulle aie di Montespertoli", l'Azienda Agricola Le Fonti a San Giorgio, di proprietà della famiglia Giovannelli da tre generazioni, ha organizzato un torneo di bocce nel vecchio pallaio restaurato da Paolo Vanni e Silvano Spini, due montespertolesi veterani delle bocce, che si trova in azienda. 


"Il suono delle sfere pesanti che “bocciano” una sull’altra sulla sabbia fine è uno di quegli elementi che subito richiamano alla memoria immagini di tempi lontani, quelli dei nostri nonni e di quando eravamo bambini. Quello delle bocce è uno degli sport più antichi e affascinanti del mondo. Semplicità, precisione, misura e geometria sono le caratteristiche del gioco. Un pallaio speciale perché ha le sponde, differenza sostanziale con i bocciodromi tradizionali cosiddetti all’italiana. Questo rende il gioco più complesso e appassionante perché la direzione e l’intensità del tiro sono fortemente condizionate dagli argini laterali del terreno di gioco."

Le Fonti a San Giorgio
Via Colle San Lorenzo, 16
Montespertoli | Firenze



CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU' SULL'EVENTO "A VEGLIA SULLE AIE DI MONTESPERTOLI"




2 commenti:

Condividi liberamente senza modificare, citando sempre chi è l'autore. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001