Translate

IL BLOG DI LEONARDO MANETTI SUL CHIANTI E LE SUE CAPITALI: FIRENZE E SIENA
E SE ANCHE TU VUOI PUBBLICARE QUALCOSA SU QUESTA TERRA CONTATTAMI

giovedì 8 maggio 2014

NEL SUGGESTIVO BORGO DI MONTEFIORALLE A LEZIONE DI CUCINA DA STEFANIA


A poca distanza da Greve in Chianti sorge il castello di Montefioralle, originariamente denominato “Monteficalli”, secondo alcuni perchè c'erano molte piante di fico nei campi intorno al castello. Sembra che qui ebbe luogo la prima sede religiosa e amministrativa degli etruschi nella Valdigreve, di sicuro la sua origine è molto antica e la località rappresenta uno dei più antichi insediamenti del Chianti, anche antecedente agli etruschi. Dell'antico castello rimane ancora la cerchia di mura che limita il caratteristico borgo costruito a semicerchio attorno alla chiesa di Santo Stefano, una poderosa costruzione turrita, e la quasi totalità delle strutture che sono rimaste originiarie, con le stesse strade selciate, i passaggi sotto le mura, gli affacci che si aprono sull'ampia vallata.  


In questo luogo magico dove si respira aria medievale, da qualche anno inserito nell'albo dei borghi più belli d'Italia, Stefania Balducci condivide nella sua casa la passione per la Cucina Rustica con i suoi ospiti. Dopo alcuni anni in giro tra l'Italia e l'Olanda, sempre lavorando nell'ambiente culinario, ha deciso di organizzare corsi e catering di cucina per insegnare le sue ricette tradizionali toscane e umbre tramandate anche dalla sua famiglia. Oltre alle lezioni di cucina nella sua accogliente casa a Montefioralle, può raggiungere qualsiasi villa o casa vacanza per preparare cene in occasione di feste e eventi. E viaggia parte dell'anno in tutto il mondo per condividere le sue conoscenze che sono anche racchiuse in un libro, la prima raccolta di ricette di Stefania.  



Se state viaggiando in Toscana e nel Chianti, non perdete l'occasione di imparare a preparare un pasto intero in un'atmosfera familiare. Dall'antipasto al dolce, con ingredienti di qualità e menù ispirati alla stagione, per concludere davanti a un tavolo decorato a mangiare le delizie cucinate. Oltre ad essere un'ottima occasione per imparare a scegliere gli ingredienti e cucinarli con gustose ricette, a mangiare sano al ritmo delle stagioni, a conoscere sapori e aromi della cucina italiana tradizionale, è anche un momento molto divertente da passare in un luogo conviviale. Il sorriso di Stefania e la sua gioia vi accompagneranno fin dal momento in cui varcate la soglia della sua abitazione, e vi farà sentire a casa vostra in un clima confidenziale e caloroso.



L'Italia, la Toscana e il Chianti sono degli straordinari laboratori di tipicità, di gusti, di genuinità e di salubrità, generazione dopo generazione ci è stato consegnato un patrimonio enogastronomico unico che abbiamo il compito di tutelare come un paesaggio o un monumento. La qualità di un cibo con le sue prelibatezze, la sua arte e la sua cultura è un patrimonio che non dobbiamo disperdere ma dobbiamo tutelarlo e valorizzarlo. Ed è in questa cornice che si inseriscono questi progetti di vita, come quello di Stefania. Un impegno al fine di una promozione reale della civiltà della tavola che tutto il mondo ci invidia. La promozione non significa solo diffondere opuscoli e allestire stand in qualche importante manifestazione, ma è un'attività delicata e complessa che richiede conoscenze, contatti diretti con le persone, apertura all'innovazione e alla fantasia. Inoltre non si può offrire qualità senza un consumatore informato, e questo ostacolo può essere superato solo con progetti concreti di educazione al gusto. Queste esperienze sono molto importanti per tutto il territorio perchè oltre a promuovere i prodotti e la gastronomia della tradizione locale, educano il consumatore.  


Per maggiori informazioni scrivi a  info@pastaalpesto.com






Nessun commento:

Posta un commento

Condividi liberamente senza modificare, citando sempre chi è l'autore. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001