Translate

IL BLOG DI LEONARDO MANETTI SUL CHIANTI E LE SUE CAPITALI: FIRENZE E SIENA
E SE ANCHE TU VUOI PUBBLICARE QUALCOSA SU QUESTA TERRA CONTATTAMI

domenica 16 marzo 2014

Recensione sul libro di poesie sChianti di Claudia Piccini


"Molti sanno che io vado sempre cercando persone che scrivono: poesie, romanzi, commedie...canzoni, e solitamente mi impegno nel farlo perchè mi è capitato di trovarne davvero di brave anche molto originali. Me ne son andata in giro per l'Italia a cercarne e invece poco tempo fa ho saputo di un giovane poeta che abita nel mio paese di origine e che per di più conoscevo ma non ne sapevo le qualità poetiche. Lui è  Leonardo Manetti,  appassionato di poesia nato a Firenze nel 1981, e laureato in viticoltura ed enologia, che fra l'altro lavora nell'azienda di famiglia "Sagrona" e che produce un ottimo vino nel luogo che è anche il mio il Chianti. Ci siamo incontrati ed ho avuto modo di leggere il suo libro di poesie: SCHIANTI , mi ha subito colpito la sua sensibilità e la sua attenzione all'ambiente che lo circonda. Non è semplice emozionarsi e dar vita ad un verso che possa a sua volta emozionare chi ci circonda e trasferire le nostre sensazioni agli altri : Leonardo ci riesce in maniera limpida e mai affogata...lascia camminare a piedi scalzi i suoi giorni, le sue notti i suoi ricordi senza paura. La sofferenza di momenti passati si avverte, ma lascia spazio alla luce di un domani ricco di ottimismo, sorrisi e amore, l'amore che Leonardo intravede nella natura, nella bellezza di un gesto, nella vita propria e altrui. Io vi vorrei deliziare con due accenni di poesie di Manetti che mi son rimaste impresse: La Mia Terra: la sensibilità unica del poeta che canta ricordi  sulla sua terra "il profumo dei fiori allevati da mani generose ..." Momenti: mi sono innamorata di questa poesia che riassume un concetto per me basilare, l'importanza di vivere la vita e gustarla in ogni suo momento: "...La vita insegna gustarsi ogni attimo, fermarsi a guardare, andare più piano" Non aspettare: apparentemente alter ego della precedente poesia "Momenti" , nella poesia "Non aspettare"  Leonardo ci fa capire che ci  sono dei momenti in cui l'attesa è perdere l'attimo, il momento unico che non passerà più e che bisogna cogliere: "Aspettare è l'inganno, tenero trabocchetto, ansia raccolta in vasi bucati" Desiderio: voglia passione  d'amore e di origini "sognatore e razionale il mio uomo.Verde e prosperosa...la mia terra". Le poesie di Manetti son respiri liberi e quando si arriva alla fine del libro ci si sente immersi nella pace."





Nessun commento:

Posta un commento

Condividi liberamente senza modificare, citando sempre chi è l'autore. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001